Informazioni & Storia

Informazioni Generali:

Se chiediamo a qualsiasi cecinese come si chiama la parte di costa relativa al territorio di Cecina lui risponderà sicuramente, Marina di Cecina, ma è  conosciuta anche con il nome di Cecina Mare.

Ma perché proprio il nome Cecina?

La parola Cecina può essere derivata da molti fattori:

-La gens Cecina (in etrusco Ceicna, in latino Caecina) era una nobile famiglia etrusca proveniente da Volaterrae (Velathri in etrusco), una delle antiche città dell’Etruria, stanziatasi a Roma.

-Sembra che il nome derivi dal fiume Caecina (oggi conosciuto come Cecina), che scorre nella valle sottostante il colle di Volterra. Persone di questo nome sono menzionate per la prima volta nel I sec. a.C. e la loro provenienza da Volterra è espressamente riferita.

-Durante l’impero il nome è frequente ed è probabile che tutti questi Caecinae siano di origine etrusca.

-Nel tardo impero sotto il regno di Onorio, è attestato il poeta Decio Albino Cecina, che risiede nella sua villa in prossimità di Volaterrae. È stato scoperto nei dintorni di Volterra la tomba della famiglia dei Caecinae, la cui forma etrusca era Ceicna (talvolta Kaikna o Kaiknas). In questa tomba fu trovato un bel sarcofago, ora a Parigi. La famiglia era divisa in parecchi rami e si trovano di conseguenza nelle urne funeree

-Da numerosi ritrovamenti fatti a Felsina, l’attuale Bologna, e altrove, è noto che i Ceicna o Kaikna parteciparono alla colonizzazione etrusca della Val Padana, un possibile indizio del ruolo di Volterra in quel processo.

Marina di Cecina è incastonata nella cuore della costa degli Etruschi, ha un ruolo da protagonista tra le eccellenze Toscane, richiamando ogni anno moltissimi turisti da ogni parte del globo.

Proprio questo territorio ha la particolarità unica al mondo di essere situato proprio in mezzo tra: il meraviglioso Mar Tirreno (Marina di Cecina è Bandiera Blu dal 2006) e la tipica macchia mediterranea (unica al mondo) che si estende fino al più profondo paesaggio collinare toscano con i suoi; colori, odori, prodotti e storia.

35-marina-di-cecina-1985

Cenni storici:

I Primi insediamenti umani della storia nella zona di Cecina risalgono all’età del ferro: molti sono i resti archeologici che ci testimoniano una notevole attività in questo periodo, durante il quale numerose industrie litiche costellavano il corso del fiume.

La zona costiera della Val di Cecina divenne punto nodale durante il periodo di massimo sviluppo della cultura etrusca (VII – V secolo a.C.), quando comunità organizzate si stanziarono qui e prosperarono grazie agli scambi commerciali con Cipro, La Fenicia, l’Egitto e la Grecia.

Le prime testimonianze storiche relative alla zona di Cecina si hanno per via di una torre cinquecentesca fatta costruire dal Granducato di Toscana che in seguito successivamente venne inglobata nella Villa Ginori.

cecina_1751
Una vecchia riproduzione di Villa Ginori

Il primo centro abitato sorse a Bocca di Cecina dall’omonimo fiume per volontà del marchese Carlo Ginori su i propri appezzamenti di terreno acquistati dal Granducato di Toscana, dove permise successivamente di costruire una piccola colonia, principalmente abitata da pescatori, a seguito di una bonifica dei terreni precedentemente paludosi.

 

carlo_ginori
Il marchese Carlo Ginori

La villa del marchese Carlo Ginori, oggi Villa Ginori, fu costruita in pochi mesi dall’ architetto Giovanni del Fantasia, nel 1740. Il vasto edificio come detto in precendenza inglobò la vecchia torre di difesa costiera cinquecentesca che mantenne il suo scopo di avvistamento anche neglio anni del ‘700.

 

Oggi è sede del Comando Regione Militare Caserma Villa Ginori.

All’interno della Villa stessa fu inserita la prima chiesa che solamente nel 1755 divenne la prima parrocchia del territorio che era in piena espansione, con il nascente Fitto di Cecina (l’odierna Cecina) che era una frazione di Bibbona.

La prima chiesa che nacque all’ esterno della villa fu dedicata a San Giuseppe e affidata ai Frati Minimi nel 1785.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Chiesa di S. Giuseppe e S. Leopoldo

Nel 1855, Leopoldo II dato l’accrescersi della popolazione lungo la famosissima arteria romana chiamata la via Aurelia, decise di costruire una nuova chiesa dedicata a San Giuseppe e San Leopoldo con giurisdizione su tutta la zona, cosi’ che la chiesa in primis e il borgo costiero di conseguenza persero il loro ruolo da protagonisti cosi da lasciarlo in eredità alla più fiorente neonata Cecina.

 

 

 

I primi stabilimenti balneari sorsero verso la fine dell’800: nel 1882 si ha notizia dell’avvio di alcune attività balneari, ma il primo stabilimento vero e proprio fu inaugurato nel 1893Nei primi decenni del xx sec. si contavano solo due bagni e la località era costituita da poche case raccolte attorno alla Villa Ginori.

Cruciale per l’espansione del territorio e suo rilancio il collegamento (oggi Viale della Repubblica) tra  Marina e Cecina nel 1910 con apposito servizio di tranvai.

Nel dopoguerra con il conseguente boom economico italiano anche questa zone ne trasse beneficio sia economico che turistico, la frazione acquisì notevole importanza grazie alla costruzione di nuove case e villette legate soprattutto alla villeggiatura, che la saldarono all’abitato di Cecina.

Fu così che nel 1955, si manifestò nuovamente l’esigenza di disporre di una chiesa per i numerosi parrocchiani: pertanto, l’edificio sacro, ormai solo cappella, fu nuovamente consacrato al titolo di parrocchia e venne dedicata a Sant’Andrea apostolo.

parrocchia-marina-di-cecina
Parrocchia di S. Andrea apostolo

Negli anni ’60 si sviluppa il turismo internazionale sulla fascia costiera: in questo periodo vengono costruiti moderni hotel dotati di ogni comfort, ristoranti dove è possibile degustare le specialità marine della zona, stabilimenti balneari e campeggi che arricchiscono l’economia locale.

Lungo la Costa degli Etruschi, la famosa pineta demaniale di Cecina, fatta costruire dal Granduca Leopoldo di Toscana per difendere le colture retrostanti dalla salsedine, si estende per 15 Km creando un suggestivo paesaggio creando la cosidetta riserva naturale Tombolo e di Cecina ancora oggi presente e accessibile tutto l’anno.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...